QUALCUNO È USCITO VIVO DAGLI ANNI OTTANTA di Francesco Dezio, un estratto

di ilcorsarobianco

L’attacco dell’ultima raccolta di Francesco Dezio (per chi non ricordasse aveva pubblicato qualche anno fa per i tipi di Feltrinelli “Nicola Rubino è entrato in fabbrica”).
Il brano che vi riporto mi ricorda una certa atmosfera tondelliana della Amsterdam anni ’80, dello sballo facile e dal profumo di vento. Presto leggerò il resto del volume, ma che Dezio sappia scrivere non è una novità.

VITA DA EDITOR

Déjeuner dans la forêt

Qualcuno è uscito vivo dagli anni Ottanta è un racconto di Francesco Dezio, pubblicato nell’omonima raccolta (collana Nuovelettere, Stilo Editrice). Qui di seguito eccone un estratto.

Amsterdam era la Mecca per i punk altamurani, ne stavano a frotte, veniva anche prima di Londra e Berlino. Nel periodo ’84-’85 carovane di europei si spingevano in Olanda, molti ci finivano per le vacanze, qualcuno però decideva poi di insediarsi lì stabilmente. Pensavano tutti a una cosa: a quanto stavano bene gli olandesi che si potevano fumare quello che volevano. Conveniva starci anche per via delle leggi molto permissive, il governo olandese non faceva distinzioni: turco italiano o disoccupato autoctono ti dava da ottocento a un milione di lire al mese a condizione che per un certo periodo lavorassi. Non era affatto male, soprattutto perché poi potevi arrabattarti anche con altri lavoretti in nero, insomma non facevi la fame. Per…

View original post 382 altre parole

Annunci